Pubblicato il

Analisi stabilità di superfici piane

Queste analisi sono utilizzate per quei casi nei quali si può ipotizzare una superficie di rottura piana, che spesso rappresenta una zona di discontinuità. Si ipotizza una superficie di rottura posta ad una certa profondità sotto il piano di campagna con andamento parallelo al pendio.

Per gli applicativi desktop per la geotecnica visita: geostru.eu/geotecnica

Maggiori informazioni

L’espressione del fattore di sicurezza F deriva dall’analisi ad equilibrio limite di un blocco di terreno, a seconda dei casi assume la seguente forma:
Filtrazione parallela al pendio, ma con livello dell’acqua al di sotto del profilo del terreno:
FS = (tanφ/tanβ)·(1 – (γw /γ) + (γw·zw) / (γ·z))
Filtrazione parallela al pendio, falda a piano campagna:
FS = (tanφ/tanβ)·(1 – (γw /γ))
Pendio non saturo oppure filtrazione verticale (α =90°)
FS = (tanφ/tanβ)
Da cui risulta che un pendio è in condizioni di equilibrio limite (F = 1) quando il suo angolo d’inclinazione è uguale all’angolo di resistenza a taglio.
Pendio indefinito in terreni puramente coesivi
FS =2·cu/(γ·z·cosβ·sinβ)
Dove:
φ angolo di resistenza  a taglio
β inclinazione pendio terreno
γ peso dell’acqua
γ  peso saturo del terreno
zw profondità del livello dell’acqua
z profondità della superficie di rottura piana
cu resistenza a taglio non drenata
Download…